N° 2/2019
Inform..

Implantoprotesi: al congresso AIO di Chia tre maestri per formare su estetica e funzione

Istvan Urban, Gaetano Calesini e Ignazio Loi: tre maestri dell’Odontoiatria, ciascuno porta con sé un mondo, il X Congresso Internazionale di Associazione Italiana Odontoiatri in programma a Chia (Cagliari) dal 13 al 15 giugno li riunisce in una sessione di caratura internazionale in sala plenaria del centro congressi tra la seconda mattinata ed il pomeriggio di venerdì 14. 

 

Si comincia alle 11.30 con la lectio magistralis d’apertura a cura di Urban. Nato e cresciuto tra Budapest e Szeged, il maestro ungherese oggi insegna implantologia a Loma Linda in California e collabora con l’Università del Michigan, ed è autore del volume Aumento verticale ed orizzontale. Tema della relazione: nel ridurre le complicanze nell’innesto osseo sono decisive la selezione dei pazienti, la loro preparazione, le tecniche chirurgiche e il management post operatorio Altro importante fattore per predire l’efficacia dell’intervento nel tempo è la chiusura del flap durante l’accrescimento osseo. 

 

La chiave per ottenere la chiusura della ferita non è solo l’abilità del clinico nell’ottenere lembi passivi ma anche la qualità e la quantità di ottimi tessuti molli. A Chia saranno presentate le più recenti ricerche e le procedure il cui uso può diminuire il bisogno dell’osso autogeno o condurre a minor tasso di insuccessi. Past-president dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica, il romano Calesini, è tra i maestri dell’implantoprotesi; Alle 14.30 presenta la relazione “le determinanti dell’anatomia tissutale periimplantare: un approccio biomimetico”. 

 

Si parte dalle modifiche nello scenario implanto-protesico negli ultim 10 anni: l’attenzione di pazienti e clinici si è spostata dall’aspetto funzionale, dato per scontato, alla risoluzione mimetica di edentulie parziali o totali. Nel perdere l’elemento naturale, l’anatomia del sito implantare subisce alterazioni e per progettare restauri fissi “credibili”, va mimetizzatla in contesti con tecniche rigenerative e protesiche spesso non codificate. 

 

A Chia si parlerà dell’approccio management tissutale morfogenico (MTM) di Calesini, che utilizza gli impianti osteointegrati e le componenti implanto-protesiche per programmare, ripristinare e stabilizzare la situazione anatomica dei tessuti osteo-muco-gengivali in chiave bio-mimetica. Seguiranno alle 15.30 Ignazio Loi, di Cagliari, e Mauro Fadda, altro maestro sardo ma trapiantato a Bologna. Loi è creatore della Biologically Oriented Preparation Technique (BOPT) che prevede la preparazione verticale del moncone naturale per consentire l’adattamento delle mucose ai profili protesici determinati dalle corone. In questa tecnica nota nel mondo, sono i tessuti stessi ad adattarsi naturalmente alla preparazione e al restauro. 

Nelle riabilitazioni protesiche la sola perdita dell’armonia tra queste denti e gengive, componenti fondamentali del sorriso, porta ad inestetismi a volte gravi. L’obiettivo di un bravo clinico è ricreare le caratteristiche morfologiche ideali dei tessuti molli: simmetria gengivale, progressione fra le parabole gengivali di centrale, laterale e canino ed il corretto rapporto con il labbro superiore. BOPT ed estrusioni complementari consentono risultati estetici ideali in tempi brevi e minima invasività. 

 

Aperta anche agli odontotecnici -con Giuseppe Romeo di Torino, che alle 17 presenta una relazione su approccio tecnico diagnostico ed estetico dell’odontotecnico nella piccola e grande riabilitazione estetica - la sessione è chiusa dai relatori del gruppo Zerodonto Fabio Cozzolino (Università Federico II Napoli) e Roberto Sorrentino (Università degli studi di Napoli) protagonisti di un intervento a due alle 17.30 sulla riabilitazione complessa dei settori ad alta valenza estetica e sul ruolo dell’Odontoiatria Digitale in chirurgia implantare e protesica: una revisione dell’approccio multidisciplinare alla riabilitazione delle aree estetiche in cui si selezionano in modo razionale le tecniche chirurgiche e protesiche da utilizzare.

 

Tutte le sessioni Congresso Internazionale AIO portano crediti ECM (fino a 28) ed ADA CERP (fino a 26) riconosciuti dall’American Dental Association; ci si può iscrivere a quote agevolate associandosi ad AIO (sito congressaio.it) o nei congressi e fiere dove AIO partecipa. Gli studenti hanno la possibilità di aderire al congresso alla quota di 50 euro (soci AISO) o 100 Euro fino al 30 Aprile, sempre su congressaio.it

 

Per prenotare l’hotel c’è il sito 

http://bit.ly/AIO2019

Autore

img
Segreteria AIO

Suggeriti

exocad presenta Partialcad 3.2 Elefsina per una maggiore flessibilità di progettazione delle protesi parziali

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

exocad Insights 2024: Il Massimo dell’Informazione Odontoiatrica

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

Congresso Opera Antalya 2024 BTK: un evento di successo di pubblico e di contenuti

On-line

Redazione Infomedix

Inform.. News Den.. 

Expodental Meeting 2024 dà i numeri

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

ANT e Acer insieme per la prevenzione oncologica del cavo orale

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

Expodental Meeting 2024: è iniziato il conto alla rovescia

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

In che modo Patent™ può prevenire la perimplantite?

On-line

Redazione Infomedix

News Den.. 

A IDEM 2024 le aziende italiane si distinguono per innovazione e tecnologia

On-line

Redazione Infomedix

Inform.. News Den..